NOTIZIE e INFORMAZIONI

ESG (Net Zero) e Investimenti Sostenibili- Parte seconda (di 3) –

Uno dei punti di riferimento per l’ESG è da individuare nel principio della Carbon Neutrality ovvero l’equilibrio tra le emissioni di anidride carbonica (CO2) prodotta e la capacità del sistema Terra di assorbirle.
Uno dei punti di riferimento per l’ESG è da individuare nel principio della Carbon Neutrality ovvero l’equilibrio tra le emissioni di anidride carbonica (CO2) prodotta e la capacità del sistema Terra di assorbirle.

L’utile e il profittevole

E’ vero, l’argomento è lungo, complesso e anche noioso. Tuttavia possiamo girare la testa dall’altra parte o, con un po’ di pazienza, cercare di comprendere cosa sta accadendo intorno a noi.

Anche il nostro Risparmio è fortemente condizionato da questo argomento, ma i consulenti finanziari non ne parlano per i motivi che ho elencato su e, soprattutto, perchè siamo consapevoli che la realtà non è sempre come viene raccontata dai mezzi di informazione.

Ma per quest’ultimo aspetto dovete attendere l’articolo di domani.

Carbon Neutrality

La “Carbon Neutrality” è la capacità di ridurre le emissioni di gas serra e di creare  condizioni che ne permettano l’azzeramento.

In particolare lIPCC, Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici definisce  “ufficialmente” la Carbon Neutrality come la capacità di ottenere un bilanciamento tra le emissioni residue e le attività volte a rimuovere le emissioni di anidride carbonica dall’atmosfera.

In altre parole la neutralità carbonica è la capacità di creare condizioni di sviluppo sostenibile nel quale sia effettivamente possibile arrivare ad “azzerare” o, attraverso diverse modalità, a “neutralizzare” le emissioni di CO2.

Emissioni che, come si vede nel grafico di Statista, sono purtroppo in continua crescita con la sola flessione significativa registrata nel 2020 in corrispondenza di un significativo rallentamento delle attività produttive legate alla pandemia.

Carbon Neutrality è nei presupposti dell’ESG

Uno studio dell’American Forest and Paper Association oltre a fornire indicazioni sul significato e sul ruolo della Carbon Neutrality per uno sviluppo sostenibile indica chiaramente quanto sia fondamentale il ruolo delle piante e delle foreste, sia per l’ambiente sia per l’economia.

ESG e la strada verso Net Zero

Diventare Net Zero implica la capacità di arrivare a un equilibrio tra la quantità di gas serra prodotti e la quantità rimossa dall’atmosfera. Questo termine viene spesso utilizzato per riferirsi alla neutralità carbonica, ma può anche includere altri gas serra, come il metano.

Insomma….

Semplificando, il percorso per una società Eticamente più corretta nei confronti dell’Ambiente e della Società (ESG), è certamente in salita.

E per correre più velocemente e far cogliere le opportunità che questo grande, sconvolgente cambiamento della vita dell’umanità sta creando, l’industria del risparmio ha deciso di dare una mano creando prodotti ad hoc.

ESG e Finanza sostenibile

La finanza sostenibile e gli investimenti ESG sono due concetti strettamente legati, ma con sfumature diverse.

La finanza sostenibile rappresenta un approccio globale all’investimento e alla gestione del capitale e mira a generare rendimenti finanziari a lungo termine e al contempo a produrre benefici sociali e ambientali significativi. 

È un modello che considera l’intero ecosistema economico e i suoi legami con la società e l’ambiente mentre gli investimenti ESG si concentrano specificamente su come le questioni ambientali, sociali e di governance possono impattare la performance finanziaria dei titoli.

Il mondo della finanza sta utilizzando in modo sempre più importante i criteri ESG per le proprie scelte di investimento.

E’ stato ampiamente dimostrato che accanto a benefici di tipo reputazionale delle aziende che producono i beni che consumiamo ci sono benefici concreti in termini di performance.

In questo momento tra i tre criteri Ambiente, Sociale e Governance, nelle persone che sono poi i risparmiatori, è prevalente la dimensione ambientale “E” rispetto alla “S” di Sociale e alla “G” di Governance e la prevalenza verso le tematiche ambientali è destinata a crescere nei prossimi 3-5 anni.

Una ricerca di BlackRock, uno dei più grandi gestori di risparmio nel mondo, sul tema della sostenibilità ambientale è emerso che l’89% dei risparmiatori è sensibile al tema AMBIENTE, poco più del 50% è sensibile al tema SOCIAL, mentre per la “G” di GOVERNANCE (governo delle imprese) si registra una diminuzione di attenzione dal 60% al 53%.

Tale risultato è certamente positivo perchè significa che si sta sempre più sviluppando una coscienza collettiva verso i temi ambientali. Ma anche l’informazione, il più delle volte sponsorizzata, fa la sua parte offrendo prodotti da acquistare presentandoli come un contributo alla realizzazione della Carbon Neutrality e l'”industria” del Risparmio non è seconda in questo aspetto.

Ma di questo ne parlo domani nella terza e ultima parte.

La realtà supera la fantasia – La terza parte (di 3) sarà pubblicata domani

Daniele Giacomantonio
Daniele Giacomantonio
12 Novembre 2023
L'articolo rispecchia tantissimo quello che sei nella tua professione; l'importanza per i consulenti finanziari è di essere consapevoli di questi nemici invisibili per guidare i clienti verso decisioni più razionali.
giuseppe mantova
giuseppe mantova
12 Novembre 2023
Come sempre molto professionale e preciso. Complimenti
Michele Depalo
Michele Depalo
9 Novembre 2023
Francesco Castro
Francesco Castro
31 Ottobre 2023
Sempre utile e piacevole partecipare ai tuoi eventi.
Michele Scarola
Michele Scarola
30 Ottobre 2023
Caro Tommaso, condivido parola per parola quello che hai scritto e ben argomentato: non siamo solo professionisti, ma, soprattutto, persone. E i rapporti con le persone passano attraverso le emozioni. Complimenti!
Luisa Degaetano
Luisa Degaetano
30 Ottobre 2023
Grazie Tommaso per la bellissima serata. Come sempre la tua chiarezza espositiva e la tua competenza ci aiutano a riporre in te sempre più fiducia. La ciliegina sulla torta è stato lo spazio dedicato alla musica. Grazie di tutto e, soprattutto, per la tua amicizia.
Francesco Antonio Schiraldi
Francesco Antonio Schiraldi
30 Ottobre 2023
Seminario interessante e ricco di spunti -senza trascurare gli spuntini..- soprattutto in un contesto che si fa sempre più articolato se non complesso in cui avere delucidazioni appare ormai indispensabile
francesco depalma
francesco depalma
26 Ottobre 2023
Giovanni Devivo
Giovanni Devivo
26 Ottobre 2023
Come sempre esaustivo e competente
Giuseppe Turturro
Giuseppe Turturro
29 Settembre 2023
Chiaro come sempre, grazie per tutti gli aggiornamenti.

Sono Consulente Finanziario dal 1997. Da sempre collaboro con le più grandi realtà bancarie italiane.