CURIOSITA'

In Cina i genitori fanno swipe per i figli

L’estate è il tempo della spensieratezza, della leggerezza. Vi suggerisco una breve lettura, di una notizia trovata su Wired. 😎

In Cina si diffonde sempre di più una tipologia specifica di dating app: si tratta di piattaforme di incontri dedicate ai genitori che desiderano combinare un matrimonio perfetto per i loro figli ancora single. Hanno nomi come Perfect In-Laws Parent Matchmaking. Gli utenti possono condividere liste di cosa desiderano nel genero o nella nuora dei loro sogni: alto livello di istruzione, buon aspetto, valori compatibili con quelli della potenziale famiglia acquisita.

In Cina i matrimoni combinati non sono così diffusi come in altre zone del mondo, ad esempio l’India, ma è comunque comune che siano i genitori a proporre potenziali partner ai figli. Nel 2022, il numero dei matrimoni in Cina ha raggiunto il valore più basso degli ultimi trent’anni, una diminuzione di oltre il dieci per cento rispetto al 2021. Allo stesso tempo, la popolazione del paese ha subito un calo, per la prima volta in sessant’anni.

La vita familiare cinese è stata profondamente influenzata, dagli anni Ottanta in poi, dalla cosiddetta “one child policy, o politica del figlio unico, in vigore dal 1980 al 2016. Durante quei decenni non era consentito alle famiglie avere più di un figlio, con alcune rare eccezioni. Gli effetti della one child policy si riverberano sui comportamenti delle famiglie, sulle aspettative relazionali, e di conseguenza sui consumi digitali. I genitori sono preoccupati per la continuità della linea familiare, che dipende da un figlio unico. Se questi decide di non sposarsi, il nome di famiglia e la discendenza non hanno possibilità di sopravvivere.

L’industria delle app di dating sta sfruttando proprio questa ansia nel progettare le strategie di marketing, facendo dei genitori di figli celibi o figlie nubili uno dei loro target prediletti. I dati sulla diffusione non sono ancora chiari: un sito, Family Building matchmaking ha riportato due milioni di utenti dal suo lancio nel 2020, riporta Rest of World. I giovani, pare, non registrano lo stesso livello di entusiasmo: il servizio offerto dalle dating app infatti non si focalizza su aspetti come gli interessi comuni o la compatibilità, ma su lati come la solidità economica, le finanze, gli immobili posseduti.

La popolarità dei servizi di matchmaking familiari mette in luce l’evoluzione della società cinese rispetto al matrimonio, alla scelta di avere figli, alla necessità di autonomia. Fungono insomma da cartina di tornasole per profonde differenze generazionali.

a cura di: Irene Doda, scrittrice e giornalista freelance. 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Sono Consulente Finanziario dal 1997. Da sempre collaboro con le più grandi realtà bancarie italiane.