NOTIZIE e INFORMAZIONI

L’arte domina sempre più sugli investimenti nel settore lusso, a seguire orologi e auto d’epoca

Esiste un indice internazionale noto come Luxury investment Index di Knight Frank, (KFLII) che ha messo al primo posto l’arte moderna e contemporanea da collezione come primo asset strategico di investimenti nel lusso o in termini di beni rifugio. E’ quindi ufficiale l’aumento dei prezzi fino al 29% del valore nominale delle singole opere, nonostante l’inflazione, ha decretato l’arte moderna come il primo asset di investimenti di lusso nel 2022, superando la maggior parte dei canali di investimento tradizionali come i consolidati oro, azioni, orologi di lusso, gioielli e borse lusso. I cavalli da battaglia che hanno trainato la rinascita di questo asset mai tramontato, sono stati i prezzi pagati per opere d’arte di livello museale come per l’opera di Andy Warhol “Shot Sage Blue Marilyn, 1964”, battura per 195 milioni di dollari da Christie’s. L’indice funziona in modo da registrare quali sono gli asset che tirano di più nel breve periodo e dare indicazioni più ponderate e precise per gli asset che vincono nel lungo periodo. Ciò che balza palese è che l’arte vince sempre sul Whisky, auto d’epoca, orologi, oro, i Fine wine anche nel lungo periodo.